Pro Loco Par Narêt

Slideshow Image Slideshow Image Slideshow Image Slideshow Image

Login Form

Seradis Furlanis ottobre-novembre 2018

SERADIS FURLANIS Ottobre-Novembre 2018

Spettacoli teatrali in lingua friulana ad ingresso libero

Gli spettacoli si terranno presso l'Auditorium Impero di Martignacco in via Delser

Calendario di Seradis Furlanis:

 

"Interni con Limoncel"

Auditorium Impero Martignacco
Sabato 13 ottobre ore 20.45
compagnia Teatrale del circolo cultural e ricreativo "La Pipinate" Di Sclaunicco
Regia di Pino Serafini
(a cura dell'Improbabile Compagnia)
 
 
 

Santa Messa solenne per la dedicazione della chiesa Parrocchiale di San Martino

Chiesa Parrocchiale di Nogaredo di Prato
Domenica 21 ottobre ore 9.30
Segue Concerto della Filarmonica “Leonardo Linda” di Nogaredo di Prato
 
 
 

"Comedies in famee":"Ursule" e "I doi amans e le cjavale"

Auditorium Impero Martignacco
Sabato 27 ottobre ore 20.45
La compagnia Teatrale "El Tendon" Di Corno di Rosazzo
Regia di Marco Zamò
 
 
 

"Ce isal WhatsApp"

Auditorium Impero Martignacco
Sabato 10 Novembre ore 20.45
La compagnia Teatrale "Lis Falisçhis" Di Cussignacco
Regia di Mara Carpi
 
 
 
 

"A è stade grosse"

Auditorium Impero Martignacco
Sabato 17 Novembre
ore 20.45
La compagnia Teatrale"Nespoledo'80" Di Nespoledo
Regia di Ruggero Ottogalli
 
 
 
 

Presentazioni degli spettacoli:

 

- COMEDIES IN FAMEE

Si tratta di due divertentissime farse in lingua friulana:
- URSULE: ta famee di Ane, une femine usade a comandà e a tignì duc in rie, e vif so gneze Lussie, restade orfane di frute e par chist tirade su di so agne. E ben, par Ane il cruci plui grant e l’è chel di maridà so gneze, che, puare, e iè ance un poc in là cui ains. Ma l’omp che à di ciolile no à di vè masse morbin, no à di fà ze che à voe e soredut no à di vignì donge juste pa robe! Che po’ e sares la robe da agne!
A risolvi un tic la situazion e rivarà Ursule, une buine femine che però la int e crot strie e che prime cun une pozion e dopo cun une preiere e fasarà capì a siore Ane di molà il vues e di lassà che so gneze si marididi cul so biel Bepo, un bandar che varà di paià pegno in cambio da man di Lussie!
- I DOI AMANS E LA CJAVALE: in ta famee di Toni, invezit, la comedie e sarà che tra Anita, so fie, e un spasimant un tic gnogno di non Sergio. Il zovin, che par dì la veretat non l’è propit tant zovin e a l’à pore di restà vedran, si presente in ciase di Toni cun chè di conquistà Anita, une biele frutate che no viot l’ore di iessi cortegiade.
Toni però, che oltre a vè buteghe e comercie ance in ciavai, e pense che Sergio e sedi vignut par comprà une ciavale che, par disgrazie di duc, si clame Anita, come so fie.
Eco che l’equivoco e dominarà dute la sene; il pari e fevelarà di Anita, la ciavale, cun tant di difiez e di vizis e il zovin e pensarà a Anita, la fie, preocupat pai difiez e pai vizis tiraz fur dal pari. Ciòh, no l’è mica sempliz partà in ciase une che tache a ripà ance biel che duar! Se tu ses masse donge tal iet tu riscis di restà impotent!
A le fin, però, lis robis e laran a puest e, come in t’une comedie che si rispeti, l’amor e mandarà vie lis incomprensions e lis titubanzes, cui doi zovins pronz a meti su famee. E restarà dome il problema di ciatà cualchidun a cui scussagi la ciavale difetose.
 
 

-CE ISAL WHATSAPP?

Si tratta di una commedia brillante in atto unico scritta da Domenico Venuti per la regia di Mara Carpi.
Durata: 1 ora e 30 minuti.
La gente ha sempre convissuto con l’antico sentimento della gelosia con dei risultati che vanno dal tragico al comico. Le persone reali in questi tempi imparano a convivere con nuove tecnologie di comunicazione dove le situazioni sono più virtuali e la gelosia scatena dei malintesi che coinvolgono la vita di tutti. Un intreccio di eventi che va dal drammatico all’ esilarante dove non c’è limite a ciò che può succedere….
 

-“A E’ STADE GROSSE...”

Si tratta di una commedia brillante in due atti di Loredana Cont tradotta in friulano locale dal regista del gruppo Ruggero Ottogalli.
Cuant che trê sûrs, cun caratars diferents, a son a vivi te stesse cjase, a puedin capitâ di ogni; ancje che une di lôr no si le cjati plui. Sparizion volontarie o involontarie?
A voaltris il gust di scuvierzilu.